Arrestato per una “spaccata” ad un bar di via Catullo.

Domenica 12 gennaio u.s., poliziotti della Squadra Volante intervenivano presso la locale via Catullo ove era stata segnalata al 113 la “spaccata” della vetrina di un bar. Giunte fulmineamente sul posto, le Volanti individuavano all’interno del bar l’autore, poi identificato per I.S. 23enne pluripregiudicato, il quale si era introdotto nell’esercizio dopo aver infranto la vetrina con un mattone. Lo stesso, dopo essersi introdotto nel bar, si era impossessato di circa 50 euro in monete e banconote di piccolo taglio dal registratore di cassa,  feritosi lievemente, aveva lasciato tracce di sangue sulla vetrina del bar e sul registratore di cassa. L’autore della spaccata era stato protagonista negli scorsi giorni di una serie consistente di delitti: in particolare la Squadra Volante lo aveva denunciato la sera dell’11 gennaio scorso per tentato furto presso uno stabilimento balneare, mentre a seguito di attività investigativa era stato riconosciuto come l’autore di altre 2 spaccate avvenute in novembre 2019 presso altri 2 bar presso Via Nazionale Adriatica Nord e via Palermo. Il 23 dicembre 2018 scorso era stato tratto in arresto dalla Squadra Volante per maltrattamenti in famiglia ed estorsione ai danni della madre, mentre il 22 dicembre 2019 era stato denunciato dai Carabinieri in quanto riconosciuto autore di una tentata rapina ai danni di alcuni giovani. I.S. veniva pertanto tratto in arresto in flagranza di reato per tentato furto aggravato e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa di giudizio direttissimo.

   Invia l'articolo in formato PDF