La remuntada della Primavera biancazzurra. Pescara – Juventus 3-1

Pescara-Juventus Primavera 3-1:

Sotto di un gol, la Primavera del Pescara riprende le redini del gioco e rifila tre gol alla malcapitata Juventus che colleziona la quarta sconfitta consecutiva. Si parte con il Pescara che mette in difficoltà la difesa Juventina al 7’ La Juventus passa in vantaggio su calcio di rigore concesso per un fallo in area su Tongya, trasforma Stoppa. Il Pescara non demorde e pareggia al 35’ complice una disattenzione di Israel. Pavone smarca Masella, che arriva a rimorchio e calcia di prima intenzione, con il portiere della Juve che si lascia sfuggire il pallone tra le gambe. 41’ Pescara si esalta con il secondo gol di Pavone, che raccoglie l’ assist di Bocic e infila Israel nell’angolino. Nella ripresa timida reazione della Juventus che colpisce un legno con Gerbi. Minuto 86’  il Pescara cala il tris, con Diambò che si inserisce alle spalle di Dragusin e Bandeira il tiro si infila all’incrocio dei pali. Il 23 il Pescara anticipa la gara contro la Fiorentina. La Juventus ospita il Sassuolo.

Pescara: Sorrentino, Martella, Manè, Celli, Chiacchia (46′ Camilleri), Palmucci (83′ Cipolletti), Tringali, Diambò, Bocic (63′ Chiarella), Pavone (83′ Zinno), Masella (63′ Mercado).  Coach: Legrottaglie. In panca:Radaelli, D’Angelo, Quacquarelli, Paolilli, De Marzo, Tamboriello, Afri Derbe

Juve Primavera (4-3-1-2): Israel; Bandeira, Dragusin, Vlasenko (46′ Gozzi), Verduci; Francofonte, Leone (56′ Fagioli), Tongya, Sekulov (56′ Abou); Gerbi (63′ Petrelli), Stoppa (46′ Sene). Coach:  Zauli. In panca: Garofani, Leo, Riccio, Anzolin, De Winter, Ranocchia, Penner

Arbitro: Marotta di Sapri

Reti: 7′ Stoppa rig., 35′ Masella, 41′ Pavone, 86′ Diambò

Ammoniti: Martella, Vlasenko, Leone, Verduci

   Invia l'articolo in formato PDF