Polizia e Carabinieri arrestano due malviventi per scippo

Nel pomeriggio di ieri personale della Squadra Volante unitamente a personale del Radiomobile dei Carabinieri, è intervenuto in via G. D’Annunzio, nei pressi della Cattedrale per segnalazione di scippo. Sul posto gli operatori contattavano la vittima B.B. un’anziana signora di 71 anni che riferiva che poco prima, mentre si stava recando a messa, era stata avvicinata da dietro da una ragazza che, improvvisamente, afferrava la sua borsa cercando di strappargliela dalle mani. La signora veniva cosi strattonata e, tirata dalla borsa. In particolare l’autore dello scippo la tirava fino alla strada dove vi era un’autovettura Nissan Micra, di colore bianco, all’interno della quale la attendeva un complice. La scippatrice continuava a strattonare la malcapitata, e, sedendosi al posto lato passeggero della vettura, colpiva ripetutamente con lo sportello, la signora, attingendola al volto ed alla spalla, facendola rovinare a terra e sottraendogli la borsa, per poi darsi alla fuga in direzione monti. Grazie alle descrizioni di un testimone, i due giovani venivano poco più tardi rintracciati e fermati in zona Tiburtina, identificati per P.S. 23enne residente a Chieti e C.M. 28enne residente a Tocco da Casauria, arrestati per rapina e su disposizione dell’ A.G. venivano tradotti rispettivamente presso la casa circondariale di Chieti e di Pescara. La povera malcapitata, invece, veniva trasportata in ospedale per le prime cure e poi ricoverata con diagnosi di trauma cranio facciale e frattura dell’omero, con prognosi di 40 giorni.

   Invia l'articolo in formato PDF