LA RADIOLOGIA DI PESCARA POTENZIA LA SUA ATTIVITA’: TUTTE LE NOVITA’

  1. Due nuove Tac Multistrato

Nei primi mesi del 2018 sono state sostituite le due Tac in dotazione all’Ospedale di Pescara, ad 8 e 16 strati, con due Tac di ultima generazione a 128 strati.

I tomografi multistrato sono una nuova famiglia di dispositivi ad eccezionale definizione di dettaglio anatomico ed elevatissima velocità di studio.

 

  1. Attivata la Coronaro-tc

Grazie a queste nuove Tac multistrato, da novembre 2018 la Radiologia di Pescara ha attivato la Coronaro-TC, una metodica di studio non invasiva che negli ultimi anni si è affermata, come possibile alternativa, in pazienti selezionati, nello studio angiografico delle arterie coronarie, i vasi che irrorano il cuore e la cui occlusione causa l’infarto.

Ad oggi le principali indicazioni consolidate , sono rappresentate dallo studio delle coronarie in pazienti con dolore toracico dubbio e rischio basso o intermedio di malattia coronarica, o in caso di test da sforzo dubbio o non eseguibile, oltreché nella valutazione delle anomalie anatomiche del circolo coronarico.

Rispetto alla coronarografia tradizionale, che è una procedura invasiva e richiede un breve ricovero, la Coronaro-TC viene eseguita ambulatorialmente e dura circa 30 minuti.

Al termine dell’esame il paziente può riprendere immediatamente le sue normali attività.

 

  1. Risonanza Magnetica Nucleare (RMN) 3 Tesla

La Asl ha ottenuto l’autorizzazione regionale per l’acquisizione della RMN-3Tesla.

L’imaging di risonanza magneticarappresenta una tecnica che, non facendo ricorso a radiazioni ionizzanti, e quindi nocive, utilizza un campo magnetico ed onde radio per la ricerca e la caratterizzazione delle malattie.

Oggi la Risonanza Magnetica 3 Tesla è uno degli strumenti diagnostici più completi ed avanzati a disposizione della diagnostica per immagini e della ricerca scientifica.

La riduzione dei tempi di esecuzione dell’esame diagnostico, che costituisce una attuale criticità, si rivela fondamentale nella gestione delle patologie tempo dipendenti e nei traumi maggiori, come nella gestione dei pazienti pediatrici e negli esami da eseguire in narcosi o in sedazione.

 

  1. Cardio Risonanza Magnetica

Entro Febbraio 2019 verrà attivata la Cardio Risonanza Magnetica (RM), una metodica diagnostica non invasiva che permette lo studio del cuore grazie all’impiego di campi magnetici, che si sono dimostrati innocui per i tessuti biologici.

Con questo esame è possibile ottenere informazioni differenti circa la morfologia, la contrattilità, la composizione e la funzione delle differenti strutture del cuore.

La Cardio-RM rappresenta un esame di approfondimento dopo l’Ecocardiografia, rispetto al quale presenta una maggiore risoluzione di dettaglio anatomico e risulta particolarmente utile nella definizione della prognosi e nella scelta della miglior terapia.

Questo esame si utilizza, previa valutazione del radiologo, nelle seguenti patologie:

infarto, miocarditi , pericarditi, cardiomiopatie ,cardiopatie congenite,valvulopatie ,masse  cardiache.

 

  1. Liste di attesa

Particolare attenzione è stata posta nei confronti della gestione delle indagini radiologiche ricomprese nelle classi di priorità ( RMN ,TAC … )

Ad oggi questa tipologia di richieste viene gestita direttamente dal Direttore della Unità Operativa Complessa (UOC) di Radiologia, in collaborazione con la Direzione del CUP.

Il radiologoche prende in carico la valutazione della prestazione in classe di priorità , inserita dal medico prescrittore, verifica la patologia ed il quesito clinico. I casi vengono valutati singolarmente, in relazione alle condizioni cliniche del paziente e nei tempi più corretti.

Entro Gennaio 2019 prenderà avvio un progetto di abbattimento delle liste di attesa con  i fondi della Libera Professione.

 

  1. Rapporti con l’Università

Di recente è stato siglato un accordo con l’Università d’Annunzio di Chieti –Pescara che individua l’UOC di Radiologiadel Presidio Ospedaliero di Pescara ,diretta dal dott.Vincenzo Di Egidio,quale centro formativoper l’apprendimento delle metodiche neuroradiologiche degli specializzandi della Scuola di Specializzazione di Radiologia diretta dal Prof. Antonio Cotroneo .

   Invia l'articolo in formato PDF